welcome in my mind

 

entra

About Me

Il mio primo incontro con Fabio Turin è stato disarmante. All'epoca lavoravo per alcune testate giornalistiche e scrivevo articoli per qualche sito che non si occupava solo di letteratura, tipo Donnissima o cose del genere. Mi aspettavo tutt'altro genere di autore e invece mi sono ritrovata davanti una persona umile e disponibile, dotata di una mente molto elastica e con una straordinaria predisposizione alla lettura dell'anima altrui. Ecco quello che mi ha impressionata di Fabio. Mi sono sentita letta e decifrata durante il nostro breve incontro. Abbiamo parlato delle sue opere e dei suoi progetti letterari. Lui scrive per sfamare la sua anima. Le sue opere diventano di tutti. A portata di tutti. Il suo stile, infatti, nonostante le sperimentazioni è comunque adatto a un pubblico vario. Fabio è una di quelle personalità il cui percorso artistico è affascinante e imperdibile dall'inizio alla fine.

Elisabetta B.

Per logica, questo sito rappresenta uno spazio e, come tale, andrà riempito. Saremo noi a impreziosirlo, a dargli carattere e un'impronta. Qui potremo lasciare una nostra sfumatura, un nostro pensiero, qualcosa che ci appartiene.

Questo spazio diventerà noi.


Fabio Turin

Libri

Memoria di un imperfetto

La prima opera di Fabio Turin. Un memorial fantasy, ovvero una storia narrata come se fosse un'autobiografia. Un romanzo in cui si sviluppano e si sviscerano frammenti di esistenza alla ricerca della propria chiave di lettura. Una graduale presa di coscienza dell'unica strada possibile, l'imperfezione. Un viaggio ai margini di una società troppo omologatrice. L'apparente quotidianità si trasforma, d'incanto, in una verità purificatrice.

E m@i l'Amore

E se stessi presentando agli altri una vita che non ti rappresenta minimamente? Una storia che contrappone classico a moderno in un turbinio di sfumature che si celano all'interno dei rapporti d'amore e d'amicizia...ha la pelle sottile Fabio, a volte è "senza pelle" tale è la sua capacità di cogliere i simboli che si celano dietro il visibile.

(Angela Costanzo)

Il medium letterario

Un poetico e bizzarro viaggio di pensieri, parole e foto, con il contributo di cinque fotografi professionisti, alla ricerca di una semplice risposta: la poesia è morta?

Eventi

  • LACRIMANDO
    Scritto da
    on 19 Nov 2013

    Alla confusione degli stati d'animo, degli stati in Facebook, degli Stati.

    Sardegna, Filippine, un imprenditore che si uccide o una persona che si toglie la Vita per la paura di non pagare il mutuo. Un incidente in auto o in moto. Malattie. Violenza. 

    Leggi tutto...
  • I propri errori
    Scritto da
    on 04 Jun 2013

    Non si dovrebbero mai dimenticare i propri errori. Non dovremmo far finta di nulla al cospetto dei nostri brutti ricordi.

    Il rischio sarebbe quello di intossicare il proprio percorso evolutivo.

    Non è la fuga la soluzione, anche se "essere se stessi", a volte, può far schifo o può essere miserabile.

    Leggi tutto...
  • Lei
    Scritto da
    on 04 Jun 2013

    Cazzo, ti svegli e pensi a lei. Passi l'intera giornata, inutilmente, a cercare di scacciarla dalla tua esistenza e di dimenticarla. Perché, in fondo, sai che non è giusto che lei sia il tuo chiodo fisso. Violenti la tua mente nel tentativo, invano, di convincerti che lei non ti appartenga e che non meriti tutto questo. E provi a dimenticarla, pensando ad altro, ma non ci riesci. Lei è in te, ti ha cambiato, si è impadronita di ogni tuo singolo istante.

    Leggi tutto...

Follow me

Se avete del materiale, dei pensieri o semplicemente delle vostre personali comunicazioni che volete vedere pubblicate nel sito

cliccate qui